IL TE', UNA STORIA MILLENARIA...

                                                                             

La Filosofia del Tè e’ economia perche’ dimostra che il benessere risiede nella semplicita’”

(Okakura Kakuzo 1862-1913)                                                                                                          

                                                                                                                                                           

Secondo un’antica leggenda cinese era l’anno 2737 A.C. e il leggendario imperatore Shen Nong all’ombra di una pianta selvatica di Camelia stava scaldando acqua sul fuoco mentre si preparava alla meditazione. L’Imperatore era infatti solito bere acqua calda durante la meditazione. Improvvisamente una leggere brezza fece cadere delle foglie dentro l’acqua e mentre quest’ultima si tingeva di oro un inebriante profumo comincio’ a pervadere l’ambiente.

                                      
Nulla di certo di sa sulla scoperta del Tè in Cina ne quando si iniziò a consumarlo, la sua storia è racchiusa nella leggenda, come quella dell’Imperatore Shen Nong a cui si attribuisce oltre alla scoperta del Tè anche quella dell’agopuntura e di essere l’autore del piu’ antico trattato medico cinese, il Pen Ts’Ao Ching.

Originariamente il Tè era raccolto da arbusti selvatici e veniva utilizzato come medicinale o come bevanda nei rituali, solo in seguito si diffuse come infuso tra la popolazione. Si ritiene che solo dopo il III° secolo D.C. si iniziò a coltivarlo per uso e consumo della solo classe privilegiata dei nobili. Nel VII° secolo D.C. Lu Yu scrisse il Cha Ching, il primo saggio dedicato al Tè, a cui seguirono poi centinaia di altri trattati.
Il Giappone fu il primo paese dopo la Cina ad usare il Tè come bevanda, inizialmente durante la meditazione, costituendo un vero e proprio rito:
La Cerimonia del Tè.

In Occidente la prima ad importare il Tè fu la Compagnia Olandese delle Indie Orientali intorno al 1600. In Inghilterra arrivò nel 1669 importato dalla Compagnia Inglese delle Indie Orientali ed ebbe subito un’enorme diffusione entrando a far parte della cultura e storia di questo paese. Come disse lo stesso Winston Churchill “per i nostri soldati il Tè è più importante delle munizioni”.
Oggi il Tè è la seconda bevanda più consumata al mondo dopo l’acqua, assumendo un ruolo sempre piu’ importante non solo nelle culture orientali ma anche in quelle occidentali che oltre ad apprezzarne il gusto e l’aroma, ne riconoscono le proprietà salutari e benefiche.